mercoledì 2 luglio 2014

Vladimir Vladimirovič Nabokov ( Pietroburgo, 23 aprile 1899– Montreux, 2 luglio 1977)

“La letteratura non è nata il giorno in cui un ragazzo, gridando al lupo al lupo, uscì di corsa dalla valle di Neanderthal con un gran lupo grigio alle calcagna: è nata il giorno in cui un ragazzo arrivò gridando al lupo al lupo, e non c’erano lupi dietro di lui.”
- Vladimir Nabokov,  Lezioni di letteratura


Premi Nobel per la letteratura

«Per la sua scrittura ispirata che nel crescere in audacia e penetrazione esemplifica gli ideali umanitari classici, e per l’alta qualità dello stile».
-Motivazione del premio Nobel per la letteratura, conferito a Hermann Hesse il 14 novembre 1946

Premi Nobel per la letteratura

La forza del godimento e quella del ricordo dipendono l'una dall'altra.
(Hermann Hesse, Album illustrato)

Premi Nobel per la letteratura

È più facile vivere sotto un regime che combatterlo.
(Ernest Hemingway , Per chi suona la campana)
Il 28 ottobre del 1954, Hemingway ricevette per telefono la notizia che gli era stato assegnato il premio Nobel, ma non fu in grado di viaggiare fino a Stoccolma e il premio venne ritirato dall'ambasciatore Jon Cabot. Si dice anche che alla consegna del premio lo scrittore americano abbia risposto al messo "Troppo tardi".

Per chi suona la campana

Preoccuparsi è dannoso come aver paura; serve solo a far le cose più difficili.
- Ernest Hemingway, Per chi suona la campana

Ipse dixit

“Un uomo intelligente a volte è costretto a ubriacarsi per passare il tempo tra gli idioti.”
— Ernest Hemingway
 


Sondaggio

Ricorrono oggi  l'anniversario della nascita di Hermann Hesse    ( Calw - 2 luglio 1877) e l'anniversario della morte di Ernest Hemingway    ( Ketchum - 2 luglio 1961).Tra i due scrittori, chi  preferite?

Sull'amore

Hermann Hesse - “Sull’amore”
“Quanto più invecchiavo, quanto più insipide mi parevano le piccole soddisfazioni che la vita mi dava, tanto più chiaramente comprendevo dove andasse cercata la fonte delle gioie della vita. Imparai che essere amati non è niente, mentre amare è tutto, e sempre più mi parve di capire ciò che da valore e piacere alla nostra esistenza non è altro che la nostra capacità di sentire. Ovunque scorgessi sulla terra qualcosa che si potesse chiamare “felicità”, consisteva di sensazioni. Il denaro non era niente, il potere non era niente. Si vedevano molti che avevano sia l’uno che l’altro ed erano infelici. La bellezza non era niente: si vedevano uomini belli e donne belle che erano infelici nonostante la loro bellezza. Anche la salute non aveva un gran peso; ognuno aveva la salute che si sentiva, c’erano malati pieni di voglia di vivere che fiorivano fino a poco prima della fine e c’erano sani che avvizzivano angosciati per la paura della sofferenza. Ma la felicità era ovunque una persona avesse forti sentimenti e vivesse per loro, non li scacciasse, non facesse loro violenza, ma li coltivasse e ne traesse godimento. La bellezza non appagava chi la possedeva, ma chi sapeva amarla e adorarla.C’erano moltissimi sentimenti, all’apparenza, ma in fondo erano una cosa sola. Si può dare al sentimento il nome di volontà, o qualsiasi altro. Io lo chiamo amore. La felicità è amore, nient’altro. Felice è chi sa amare. Amore è ogni moto della nostra anima in cui essa senta se stessa e percepisca la propria vita. Ma amare e desiderare non è la stessa cosa. L’amore è desiderio fattosi saggio; l’amore non vuole avere; vuole soltanto amare."

Pellegrinaggio d'autunno

Credo anch'io che la nostra vita e le nostre percezioni si sviluppino a partire da un groviglio di ricordi sommersi. Forse quello che chiamiamo anima non è se non l'insieme di questi oscuri detriti di ricordi.
(Hermann Hesse, Pellegrinaggio d’autunno)

Ernest Hemingway e Maria Sans

Ernest Hemingway e Maria Sans, la donna che ispiro' allo scrittore statunitense il personaggio di Maria nel romanzo ''Per chi suona la campana'' (1940).
La donna è scomparsa il 4 giugno 2012 a Mataro, vicino a Barcellona, all'eta' di 92 anni. L'annuncio della scomparsa e' stato pubblicato dalla stampa spagnola. La musa catalana di Hemingway viene rappresentata nel libro incentrato sulle vicende della guerra civile spagnola come una giovanissima infermiera che si innamora dell'americano Robert Jordan, che partecipa come volontario alla lotta contro i franchisti militando nelle fila dell'esercito repubblicano. La loro storia d'amore finira' poi tragicamente.
 


Sull'amore

Si chiama amore ogni superiorità, ogni capacità di comprensione, ogni capacità di sorridere nel dolore. Amore per noi stessi e per il nostro destino, affettuosa adesione a ciò che l'Imperscrutabile vuole fare di noi anche quando non siamo ancora in grado di vederlo e di comprenderlo - questo è ciò a cui tendiamo.
Hermann Hesse, Sull'amore

Il lupo della steppa

Ma se per la tua gioia hai bisogno del permesso di altri, sei proprio un povero sciocco.
Hermann Hesse , Il lupo della steppa

Il lupo della steppa

Ebbene, ogni superiore umorismo incomincia col non prendere sul serio la propria persona. 
- Hermann Hesse, Il lupo della steppa


Il vecchio e il mare

L'uomo non trionfa mai del tutto, ma anche quando la sconfitta è totale quello che importa è lo sforzo per affrontare il destino e soltanto nella misura di questo sforzo si può raggiungere la vittoria nella sconfitta.
- Ernest Hemingway, Il vecchio e il mare

Ernest Hemingway

“A rifletterci bene, i migliori sono sempre allegri." È molto meglio essere allegri, ed è anche il segno di qualche cosa: è come avere l’immortalità mentre si è ancora vivi. Una cosa complicata. Ma non ne sono rimasti molti, no, di tipi allegri; non ne sono rimasti molti. Ce ne sono rimasti maledettamente pochi".
— Ernest Hemingway, "Per chi suona la campana"