mercoledì 25 gennaio 2017

Giorgio Gaber



«E’ che l'amore è una parola strana: vola troppo. Andrebbe sostituita.
Non sarebbe meglio chiamarlo: «La cosa»? 
Potrebbe diventare più concreto.

All'inizio lei…io l'amavo. 
Sì, voglio dire avere quegli attimi intensissimi, che al momento sembra ti lascino dei segni profondi, importanti. 
Ma La cosa non è questo o meglio, non è solo questo. 
La cosa è trasformazione, percorso, crescita insieme… è’ un patto di sangue stipulato tra due persone e forse, prima ancora, dal destino.

La cosa… è l'amore. No, è un'altra qualità dell'amore. Una qualità che non rimpiange gli attimi perché diventa la vita. 
Non so se avrò mai la fortuna di farlo, questo patto, forse ci vorrebbe un uomo.

Cento volte ho provato a cambiare, a ricominciare da capo, a reincarnarmi ma mi sono sempre reincarnato… senza di me. 
Ecco, senza avere avuto una realtà, io passo evanescente tra i sogni di alcune donne che non hanno avuto la possibilità di completarmi.

Ci sarà senz'altro il modo di fare La cosa altrimenti il nostro destino è quello di essere delle scorze di uomini degli involucri, mai delle persone. 
Magari dei personaggi… 
Personaggi affascinanti, simpatici anche… 
Mai persone.

Ma se è così l'amore non sarà mai «materia», «terra», «cosa»… sarà sempre una parola che vola, una farfalla che ti si posa un attimo sulla testa e ti rende tanto più ridicolo quanto maggiore è la sua bellezza…»
Giorgio Gaber, « La cosa »