mercoledì 27 agosto 2014

Cesare Pavese

Pensa male, non ti sbaglierai.
(Da "Il mestiere di vivere", 1935/50)

Cesare Pavese

Aspettare è ancora un'occupazione. È non aspettare niente che è terribile.
Da" Il mestiere di vivere", 1935/50 (postumo 1952)

Cesare Pavese

C'è un'arte di ricevere in faccia le sferzate del dolore, che bisogna imparare. Lasciare che ogni singolo assalto si esaurisca; un dolore fa sempre singoli assalti – lo fa per mordere piú risoluto e concentrato.
E tu, mentre ha i denti piantati in un punto e inietta qui il suo acido, ricordati di mostrargli un altro punto e fartici mordere – solleverai il primo.
Un vero dolore è fatto di molti pensieri; ora, di pensieri se ne pensa uno solo alla volta; sappiti barcamenare tra i molti, e riposerai successivamente i settori indolenziti. 

Cesare Pavese, Il mestiere di vivere

Cesare Pavese

I discorsi più veri sono quelli che facciamo per caso, tra sconosciuti.
Cesare Pavese

Cesare Pavese


La vera confidenza è sapere quel che desidera un altro, e quando piacciono le stesse cose una persona non dà più soggezione.
Cesare Pavese, La bella estate


Cesare Pavese


Niente è più inabitabile di un posto dove siamo stati felici.
Cesare Pavese, La spiaggia

Cesare Pavese


Amare senza riserve mentali è un lusso che si paga, si paga, si paga.
Cesare Pavese 

Cesare Pavese

Conta quello che si fa, non che si dice.
(Da "La casa in collina",romanzo scritto tra il 1947 e il 1948)