mercoledì 26 marzo 2014

Wislawa

“La vita
 – è il solo modo per coprirsi di foglie,
prendere fiato sulla sabbia,
sollevarsi sulle ali;
essere un cane,
o carezzarlo sul suo pelo caldo;
distinguere il dolore
da tutto ciò che dolore non è;
stare dentro gli eventi,
dileguarsi nelle vedute,
cercare il più piccolo errore.
Un’occasione eccezionale
per ricordare per un attimo
di che si è parlatoa luce spenta;
e almeno per una volta
inciampare in una pietra,
bagnarsi in qualche pioggia,
perdere le chiavi tra l’erba;
e seguire con gli occhi
una scintilla nel vento;
e persistere nel non sapere
qualcosa d’importante.”
— Un appunto  , Wislawa Szymborska

Wislawa

"Esperti degli spazi dalla terra alle stelle ci perdiamo nello spazio dalla terra alla testa.”
— Wislawa Szymborska

Accadde oggi

26/03/1927 : parte la prima edizione della “Mille Miglia”. Al via ci sono settantacinque equipaggi, due soli stranieri. La vittoria va all’equipaggio costituito da Ferdinando Minoia e Giuseppe Morandi sulla OM 665 S Spyder, in 21 ore, 4 minuti, 48 secondi. Nelle intenzioni dei suoi ideatori (Aymo Maggi, Renzo Castagneto e Franco Mazzotti), la “Mille miglia” doveva svolgersi in un’unica edizione su un percorso ad "otto" (Brescia-Roma-Brescia). Ma l'enorme successo ottenuto incoraggia gli organizzatori a replicare l'evento, dal 1927 al 1957, per 24 volte. Ferrari la definirà: “La corsa più bella del mondo”.

Buon compleanno a Tinto Brass

Auguri di buon compleanno al regista Tinto Brass, nato a Milano il 26 marzo 1933

"Sul piano etico il sedere è più onesto della faccia, non inganna, non è maschera ipocrita.
- Tinto Brass, Intervista a La Stampa, 2007

Roland Barthes

Un mandarino era innamorato di una cortigiana. “Sarò vostra, - disse lei, - solo quando voi avrete passato cento notti ad aspettarmi seduto su uno sgabello, nel mio giardino, sotto la mia finestra”. Ma, alla novantanovesima notte, il mandarino si alzò, prese il suo sgabello sotto il braccio e se n’andò.
 - Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso


Roland Barthes (Cherbourg, 12 novembre 1915 – Parigi, 26 marzo 1980)

Stamattina, devo scrivere con urgenza una lettera “importante” - dalla quale dipende il successo d’una certa iniziativa; scrivo invece una lettera d’amore - che non spedisco. Abbandono allegramente tristi incombenze, ragionevoli scrupoli, comportamenti reattivi imposti dal mondo, a beneficio di un compito inutile, derivato da un Dovere luminoso: il Dovere amoroso. Con discrezione, faccio delle cose pazze; sono l’unico testimone della mia follia.” 
- Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso


Roland Barthes

Sono innamorato? - Sì, poiché sto aspettando”. L’altro, invece, non aspetta mai. Talvolta, ho voglia di giocare a quello che non aspetta; cerco allora di tenermi occupato, di arrivare in ritardo; ma a questo gioco io perdo sempre: qualunque cosa io faccia, mi ritrovo sempre sfaccendato, esatto, o per meglio dire in anticipo. La fatale identità dell’innamorato non è altro che: 
io sono quello che aspetta.
(Roland Barthes, "Frammenti di un discorso amoroso")



Buon compleanno, Roberto!

Buon compleanno al meraviglioso Roberto Bolle, nato a Casale Monferrato il 26 marzo 1975