lunedì 5 maggio 2014

Diario di un seduttore

Don Giovanni desidera, e questo desiderio ha un effetto seduttore; è per questo ch’egli seduce. Gode il soddisfacimento del desiderio; non appena l’ha goduto, cerca un altro oggetto, e così all’infinito. Egli inganna, così, ma senza premeditare il suo inganno; è la potenza stessa della sensualità quella che inganna le sedotte; si tratta di una specie di Nemesi. Egli desidera e continua sempre a desiderare, e continua a godere il soddisfacimento del desiderio, senza esserne mai sazio.
Diario di un seduttore, Kierkegaard